Statistiche e mercati

Ceramic World Review stila la classifica 2016 dei 25 maggiori gruppi ceramici mondiali

21/09/2017

La crescita produttiva che ha caratterizzato nel 2016 l’industria delle piastrelle in Europa, India e area Nafta si ritrova nei dati dei 25 maggiori gruppi mondiali del settore, aggiornati da Ceramic World Review al 31/12/2016 e classificati per volumi produttivi.

Nel 2016 i “Top 25” hanno fabbricato complessivamente circa 1.750 milioni mq (il 13% della produzione mondiale) e oltre la metà di essi hanno incrementato i propri volumi. Tra questi spiccano i risultati del colosso americano Mohawk Industries, delle messicane Lamosa e Vitromex, di Pamesa e STN in Spagna, Kajaria in India e Arwana Citramulia in Indonesia.

È ancora una volta Mohawk Industries a guidare il ranking dei 25 maggiori gruppi mondiali, con una produzione stimata tra i 230 e i 250 milioni mq. La multinazionale americana distanzia tutti i competitor soprattutto in termini di fatturato: al 31/12/2016, 3.174 milioni di dollari generati nel solo segmento piastrelle, pari al 35% dei ricavi complessivi del gruppo. 

Al secondo posto per volumi prodotti (201 milioni mq), ma distaccato per valore delle vendite (751 milioni di euro), il gruppo tailandese SCG.

Il gruppo messicano Lamosa ha ulteriormente consolidato la posizione di terzo maggiore gruppo mondiale e primo in America Latina, grazie all’importante acquisizione, il 3 ottobre 2016, del gruppo argentino San Lorenzo: l’operazione, da circa 230 milioni di dollari, ha portato in dote i due marchi San Lorenzo e Cordillera e 7 impianti produttivi (3 in Argentina, 3 in Colombia e uno in Perù), aumentando la capacità produttiva totale di Lamosa di circa il 40% a 180 milioni mq/anno.

Oltre una decina di aziende si collocano nella fascia tra i 50 e i 100 milioni mq di produzione.

Tra queste, ottimi i risultati della spagnola Pamesa, che nel 2016 ha portato la produzione a 69,5 milioni mq e i ricavi (nel solo segmento piastrelle) a 367 milioni di euro, con incrementi rispettivamente del 15% e del 17,6%.

Tassi di crescita a doppia cifra anche per il gruppo indonesiano Arwana Citramulia che, con l’avviamento del quinto impianto produttivo a inizio 2016, ha raggiunto una capacità di 57,7 milioni mq e una produzione di 50 milioni mq (+17% sul 2015). 

  • Leggi l’articolo completo pubblicato su Ceramic World Review 123/2017
tags