Statistiche e mercati

Nuovo record per la domanda di piastrelle negli USA

28/03/2018

Il buon andamento dell’industria edilizia negli Stati Uniti ha sostenuto la domanda di piastrelle ceramiche, in progresso per l’ottavo anno consecutivo. Secondo i dati dell’U.S. Dept. of Commerce e TCNA (Tile Council of North America), nel 2017 il consumo nazionale ha raggiunto i 283 milioni di mq (+5,1% sul 2016), il valore più elevato dal 2006 e il quarto più alto mai registrato sul mercato americano.

La produzione nazionale di piastrelle, in crescita ormai da 8 anni e sostenuta dall’apertura di nuovi stabilimenti in Tennessee, ha raggiunto nel 2017 il suo massimo storico di 90,6 milioni mq (+3,2% sul 2016), di cui 88 milioni mq (+4,1% sul 2016) destinati al mercato interno, che hanno coperto il 31,3% del consumo nazionale in volume, davanti alle piastrelle cinesi (21,6%), messicane (13,1%) e italiane (12,4%).

Grazie anche ad un prezzo medio di vendita salito a 16,25 $/mq (+1,3% sul 2016), i ricavi da vendite sul mercato domestico hanno raggiunto 1,43 miliardi di dollari (+6,1%), ossia il 39,3% del valore totale del mercato ceramico americano e circa il doppio del valore delle importazioni dall’Italia (pari al 20,5% del mercato USA).

In aumento nel 2017 anche le importazioni, 195 milioni mq (+5,6% sul 2016), pari al 69% del consumo nazionale.  

La Cina ha mantenuto il primato di maggiore esportatore in volume verso gli Stati Uniti, rafforzando ulteriormente la propria quota di mercato: secondo l’US Dept of Commerce, nel 2017 l’import dalla Cina è cresciuto del 12,7% a 61 milioni mq, pari al 31,3% delle importazioni USA.

Nonostante la forte svalutazione del peso rispetto al dollaro negli ultimi 5 anni, le importazioni dal Messico hanno continuare a calare, scendendo a 37 milioni mq (-14,4% sul 2016), pari al 19% delle importazioni totali (erano il 23,5% nel 2016 e il 27% nel 2015).

Terzo maggior esportatore verso gli USA si è confermata l’Italia che, secondo l’US Dept of Commerce, ha esportato 35,2 milioni mq (-1,7% sul 2016), pari al 18% dell’import totale.

Seguono, più distanziati, la Spagna (22,7 milioni mq, +32,8%) e la Turchia (12 milioni mq, +28,3%), con una quota sulle importazioni totali rispettivamente dell’11,7% e del 6,2%.

In valore, le importazioni 2017 hanno raggiunto i 2.218 milioni di dollari (+5,7% sul 2016).

Maggiore esportatore in valore si è confermata ancora una volta l’Italia con vendite pari a 747,8 milioni di dollari (-0,4% sul 2016) e con una quota del 33,7% sul valore totale dell’import. Seguono la Cina (+13,8%) con una quota del 26,6% e la Spagna (+25,2%) col 13,9% dell’import totale.

Complessivamente, nel 2017 il valore medio delle importazioni è rimasto invariato, a 11,4 $/mq. Le piastrelle italiane si confermano quelle col valore più elevato, pari a 21,2 $/mq.

Leggi l'articolo completo pubblicato su Ceramic World Review 125/2018

tags