Fiere

Asean Ceramics presenta le novità 2019

25/06/2019

In calendario dal 28 al 30 agosto prossimi, la fiera torna a Bangkok in una nuova location e con un format rinnovato.

Interessante punto di incontro per l'industria ceramica del sud est asiatico, Asean Ceramics 2019, fiera internazionale dedicata alle tecnologie e ai materiali per l'industria ceramica e del laterizio, è in calendario dal 28 al 30 agosto prossimi presso l’Impact Forum di Bangkok, nuova location selezionata per la necessità di aumentare la superficie espositiva e per la vicinanza ai distretti di produzione ceramica. Presenti in fiera diversi espositori internazionali provenienti da Italia, Regno Unito, Germania, Vietnam, Corea e India.

Rafforzata la promozione internazionale in tutti i paesi del Sud Est Asiatico, anche grazie alle partnership con le associazioni nazionali dei produttori di ceramica e le nuove attività collaterali.

Oltre all’Innovation Print Asia Congress, per la prima volta Asian Ceramics ospita anche l’International Conference on Traditional and Advanced Ceramics, che si propone di fornire una panoramica dei progressi compiuti dalla ricerca nel campo dei materiali ceramici sia tradizionali che avanzati. Importante appuntamento sarà poi l’Asia-Oceania Ceramic Federation Conference, giunta alla sua 8a edizione, a cui parteciperanno delegati da Giappone, Taiwan, Corea, Cina e Australia, e ospiti da India, Vietnam, Filippine, Malesia, Indonesia e Singapore.

Asean Ceramics, organizzata a cadenza biennale da Asian Exhibition Services Ltd, è supportata dall’Associazione dell’industria ceramica tailandese (Ceramics Industry Club of Thailand) presieduta da SCG e parte della federazione regionale CICA (Ceramic Industry Club of Asean).

Nell’edizione 2017, la manifestazione ha stabilito un nuovo record di presenze con 205 aziende espositrici e oltre 4.800 visitatori provenienti da 46 paesi.

Secondo le previsioni, entro il 2025 il settore ceramico nell’area Asean raggiungerà i 69.08 miliardi di dollari, favorito dalla crescita dell'industria delle costruzioni e dall'aumento della spesa pubblica per lo sviluppo infrastrutturale (+93 miliardi di dollari nel 2017).

tags