Piastrelle

Avviato lo stabilimento “Lastre” di Portobello con tecnologia Sacmi Continua+

12/01/2021

Avviato lo scorso autunno, il nuovo impianto di Tijucas (Brasile) può realizzare lastre fino a 1800x3600 mm. Per il lancio delle collezioni è stato organizzato un imponente evento digitale il 14 ottobre.

È entrato in produzione lo scorso autunno a Tijucas (Santa Catarina) il nuovo stabilimento per la produzione di lastre di Portobello, tra i maggiori produttori brasiliani di piastrelle ceramiche. Cuore dell’impianto è la nuova linea Continua+ PCR 3000 di Sacmi, grazie alla quale Portobello può realizzare un’ampia gamma di formati (fino al 1800x3600 mm), spessori (sottili o alti) e superfici (lisce o strutturate) direttamente in pressa. Tra gli accessori forniti da Sacmi, il dispositivo MDX 3000 per il controllo continuo delle densità, un essiccatoio a 7 piani E7P e, a monte del compattatore, la decoratrice 4 colori DDD 3000 per il deposito delle polveri secche.

Estremamente versatile e caratterizzata da elevate produttività, sfridi ridotti, bassi consumi e sincronizzazione digitale di tutte le fasi del processo, la linea Continua+ è stata scelta da Portobello per il suo “Projeto Lastras”, un ambizioso piano di valorizzazione delle grandi lastre in gres porcellanato come sintesi di design, funzionalità, sostenibilità ambientale.

Per celebrare l’avviamento del nuovo impianto e lanciare sul mercato le nuove collezioni di grandissimi formati, Portobello ha organizzato in ottobre un imponente evento digitale, Unlimited, una mostra che ha riunito i grandi nomi dell'architettura per illustrare le possibilità di utilizzo delle lastre, descriverne il processo di produzione e presentare il nuovo concept dei negozi Portobello Shop, realizzati con queste superfici. All’evento hanno partecipato oltre 5000 professionisti del mondo dell’architettura, decorazione e design.

  • Guarda il tour virtuale della sala mostra
  • Guarda il video di presentazione della nuova fabbrica
tags