Piastrelle

Nuova stampante ibrida EFI Cretaprint

11/12/2019

Grazie allo sviluppo della nuova testina proprietaria e·Q5, la nuova stampante ibrida può operare sia con inchiostri tradizionali che a base acqua.

Se finora la tecnologia di decorazione digitale di piastrelle con inchiostri a base acqua ha scontato diverse problematiche, relative soprattutto alle testine di stampa, le nuove stampanti ibride EFI Cretaprint puntano a superare tali ostacoli.

Alla base delle nuove macchine, infatti, sta l’innovativa testina e·Q5, progettata dalla stessa EFI con un’architettura migliorata, che, installata sulla stampante ibrida, consente ai produttori di ceramica di scegliere di volta in volta se utilizzare inchiostri tradizionali o a base acqua.

Un protocolo di pulizia e un aggiornamento del software sono le uniche azioni che il produttore di piastrelle dovrà compiere per passare alla tecnologia a base acqua nel momento in cui lo riterrà opportuno, spiega José Luis Ramón Moreno, vicepresidente e General Manager di EFI Industrial Printin. Per il manager, questo significa che l’utilizzatore può investire in una tecnologia affidabile e competitiva e già predisposta ad operare con processi di decorazione più sostenibili, mano a mano che il mercato lo richieda.

A completare il progetto delle stampanti ibride, si aggiungono anche le nuove EFI Cretaprint Shield, ossia barre ausiliarie per l’applicazione digitale di smalti, che consentiranno all’industria ceramica di approdare ad una decorazione Full Digital.

Il concetto di smaltatura digitale di EFI Cretaprint consiste nell’applicazione della quantità precisa di smalto in maniera controllata. I vantaggi sono evidenti: da un lato, nelle produzioni di grandi lastre, solo una smaltatura digitale assicura l’applicazione omogenea, necessaria a questo tipo di materiali; dall’altro, per i formati standard la smaltatura digitale ha dimostrato di riuscire a ridurre i consumi di materiale, sia perché applica la quantità minima necessaria, sia perché riduce i costi della “non qualità”, come per esempio i difetti visibili dopo lappatura o levigatura.

tags