Piastrelle

SITI B&T Group chiude il 2020 meglio del previsto

07/04/2021

Ricavi consolidati a 142 milioni di euro (-18,8% sui 175 milioni del 2019); Ebitda a 11 milioni. Migliora la posizione finanziaria netta grazie ad una buona generazione di cassa.

Siti B&T Group, quotata sul mercato AIM Italia, ha chiuso il 2020 con ricavi e margini consolidati in flessione, tuttavia migliori rispetto alle aspettative. Merito, secondo l’Amministratore Delegato Fabio Tarozzi (nella foto a sinistra), della resilienza dimostrata dalle aziende del gruppo (Siti B&T, Ancora, Projecta Engineering, Digital Design, Diatex), “che ha consentito di superare la fase acuta della crisi assicurando al mercato il servizio e l’attenzione di sempre, anche nei momenti più difficili della pandemia”.

La ripresa degli ordinativi nel secondo semestre non ha consentito, se non parzialmente, di compensare gli effetti del blocco dei mesi precedenti, dando luogo ad una contrazione dei ricavi del 18,8%, a 142,3 milioni di euro contro i 175 del 2019. La presenza diretta sui mercati mondiali con un network di filiali di service ha però permesso di mantenere la quota di mercato e di aumentare a 65,8 milioni di euro (+8,7%) il fatturato del Customer Service.

In calo anche gli altri principali indicatori: l’Ebitda consolidato è sceso da 18,7 a 11 milioni di euro, l’Ebit è risultato negativo per 0,4 milioni (nel 2019 era positivo per 8,5 milioni di euro) e il Risultato netto consolidato è negativo per 2,5 milioni di euro (contro un utile di 3,1 milioni nel 2019). Migliora invece l’indebitamento finanziario netto, sceso a 54,8 milioni (erano 59,1 milioni nel 2019), grazie alla generazione di cassa per 4,3 milioni dopo aver effettuato investimenti per 14,7 milioni di euro.

Malgrado la straordinaria condizione sanitaria che ha costretto per diversi mesi la struttura ad operare in smart working o in condizioni operative difficili, il Gruppo ha proseguito con determinazione i propri programmi di R&D, con un investimento complessivo di oltre 5 milioni di euro (il 3,5% del fatturato) e uno staff dedicato di oltre 60 addetti. Obiettivo, lo sviluppo di novità tecnologiche capaci di stimolare la domanda del mercato per rendere più solida la ripresa nel 2021.

tags