Whiteware

Tecnologie Marcheluzzo Ceramics per l’essiccazione dei refrattari

03/04/2018

Marcheluzzo Ceramics (Caldogno, Vicenza) ha recentemente fornito e avviato un nuovissimo essiccatoio presso lo stabilimento di Eco-Inter, situato in provincia di Verbania, che produce refrattari per l’industria ceramica ed alimentare.

L’essiccatoio, a camera statica, ha una capacità produttiva di 10 tonnellate di materiale refrattario, con cicli che possono variare da 6 a 24 ore in base al prodotto da trattare.

I componenti principali sono l’unità di trattamento aria multi serrande, il sistema di umidificazione a nebulizzazione ad alta pressione e il controllo di iniezione/estrazione aria esterna e aria umida per gestire i parametri termodinamici del processo di essiccazione.

L’unità di trattamento aria fornisce aria calda miscelata con una parte di aria esterna così da garantire i valori di temperatura e umidità ideali all’interno della camera. La lamiera forata e calibrata, presente sulle pareti dell’essiccatoio, assicura la massima omogeneità del flusso su tutto il materiale caricato. Allo scopo di evitare i fumi all’interno dell’essiccatoio, viene inoltre utilizzato uno scambiatore indiretto fumi/aria, con bruciatore di gas ad aria soffiata. La macchina può così lavorare in totale ricircolo d’aria con considerevole risparmio energetico (termostati a riarmo manuale e automatico uniti e valvole di intercettazione gas garantiscono la sicurezza dell’impianto).

Il flusso d’aria all’interno dell’essiccatoio è controllato sia in velocità diretta sul pezzo (controllo sulla portata dell’unità di trattamento aria), sia in direzione (Alternative Blowing System, flusso aria programmabile da parete destra verso sinistra alternato al flusso da parete sinistra verso destra).

La macchina permette di lavorare partendo da temperatura ambiente con saturazione di umidità relativa, per raggiungere fino a 100°C interni, mentre il flusso d’aria sui pezzi può passare da meno di 0,2 m/s fino a oltre 1 m/s, a seconda della fase del ciclo.

I sensori di temperatura, umidità, pressione e velocità dell’aria utilizzati, sono in grado di resistere alle condizioni più estreme di umidità e polverosità. Il sistema è controllato da un PLC di ultima generazione e da pannello operatore touch screen i cui parametri sono gestiti e controllati a video, con possibilità di storicizzazione di tutti i valori.

Il funzionamento può essere sia automatico che manuale, mentre la supervisione permette di collegarsi al quadro elettrico da altre postazioni o da smartphone.

Per Marcheluzzo Ceramics, questo nuovo impianto segue le forniture di pre-essiccatoi, essiccatoi, sistemi di condizionamento e impianti termici per sanitari realizzate per importanti gruppi internazionali in Messico, Russia e Cina.

Per supportare la crescita sui mercati internazionali, Marcheluzzo Ceramics sarà presente quest’anno al Ceramitec di Monaco di Baviera (10-13 aprile), a Ceramics China (Guangzhou, 30 maggio) e al Tecnargilla di Rimini (24-28 settembre), dove illustrerà tutte le proprie soluzioni tecniche e impiantistiche; tra queste anche il sistema "ViscoSmart" per il controllo automatico dei parametri reologici per il colaggio e la smaltatura di sanitari.  

tags