Whiteware

Turkuaz Seramik, nuovi investimenti per sostenere la crescita

16/01/2018
Kürsad Özkaya, membro del CdA di Turkuaz Seramik

Secondo maggiore produttore turco di sanitari e tra i primi 20 gruppi a livello mondiale, Turkuaz Seramik è un’azienda a conduzione familiare, fondata da Abdurrahman Ozkaya nel 1993 a Kayseri, nel centro della Turchia.

Nel 2004 viene realizzato il primo forno a tunnel e l’azienda inizia ad esportare i suoi prodotti nei Paesi balcanici e in Medio Oriente.

Proseguendo nella strategia di crescita e sviluppo, nel 2009 Turkuaz avvia il suo secondo impianto produttivo, nella zona industriale di Incesu, sempre a Kayseri, con una superficie coperta di 100.000 mq.

È questa la svolta che consente all’azienda di entrare tra i grandi player del settore. Oggi, infatti, i due stabilimenti raggiungono una capacità produttiva totale di 3 milioni di pezzi/anno in Vitreous China e Fine Fire Clay e una produzione effettiva di 2,5 milioni di pezzi/anno, di cui 750.000 in FFC (Fine Fire Clay).

Il 45% delle vendite è realizzato sui mercati esteri, oggi principalmente in Unione Europea.

Kürsad Özkaya, membro del CdA di Turkuaz Seramik, ci parla dei progetti in corso e delle potenzialità di ulteriore sviluppo sia in Turchia che sui mercati esteri.

"Nel 2016 - afferma Ozkaya - abbiamo iniziato ad inserire la tecnologia di colaggio ad alta pressione e linee di smaltatura robotizzate, affidando il progetto e la realizzazione a B&T White, tra i leader in questo settore. Il prossimo passo sarà di completare la robotizzazione di tutte le linee di smaltatura e di portare a 1.500 pezzi/giorno la produzione realizzata con colaggio ad alta pressione"

  • Leggi l’intervista completa pubblicata su Ceramic World Review 124/2017
tags