Whiteware

VitrA completa l’espansione nel settore sanitari

07/01/2020

Con l’inaugurazione della quarta linea produttiva nello stabilimento di Bozüyük, in Turchia, VitrA ha raggiunto una capacità produttiva totale di 5,6 milioni di pezzi/anno di sanitari

Con l’inaugurazione in settembre della sua quarta linea produttiva nello stabilimento di Bozüyük, in Turchia, VitrA ha completato il progetto che l’ha portata a disporre di una capacità produttiva totale di 5,6 milioni di pezzi/anno. L’investimento, circa 40 milioni di euro, è stato condotto in due fasi. Accanto alle tre linee esistenti, il gruppo turco Eczacibasi ha aggiunto 40 mila metri quadrati di nuovo spazio che ora accolgono il nuovissimo impianto, altamente robotizzato e dotato di tecnologie all’avanguardia fornite da Sacmi. Obiettivo dell’intero progetto è potenziare l’offerta del brand VitrA sui mercati esteri, in primo luogo quelli europei, dando risposta ad una crescente domanda di prodotti di gamma medio-alta. Col completamento dell’espansione produttiva, l’azienda, che già oggi rappresenta da sola oltre la metà dell’export turco di sanitari in ceramica, punta ad aumentare le proprie esportazioni di circa 40 milioni di euro.

"Abbiamo creato un'innovativa unità produttiva in cui la più moderna tecnologia robotica si fonde alla perfezione con il lavoro dell’uomo”, ha dichiarato il Presidente Bülent Eczacıbası, aggiungendo che alla base dell’importante investimento vi è stata la volontà di dare ulteriore impulso alla crescita dell’export rafforzando il posizionamento di VitrA tra i leader nel mercato europeo.

L’espansione produttiva nello stabilimento di Bozüyük ha creato quasi 500 nuovi posti di lavoro. L’intera dotazione tecnologica del nuovo impianto, dal colaggio al forno, è stata progettata e realizzata da Sacmi puntando ad automazione, efficienza logistica, ergonomia, salubrità dell’ambiente di lavoro, contenimento dei consumi e dell’impatto ambientale, oltre che alla qualità dei prodotti.

La Divisione Eczacıbaşı Building Products opera globalmente con 13 stabilimenti produttivi, di cui 5 in Turchia e 8 tra Germania, Russia e Francia. La produzione annua totale raggiunge i 5 milioni di pezzi di sanitari in ceramica, 30 milioni mq di piastrelle, 400mila moduli di mobili da bagno, 3 milioni di rubinetti e 350mila vasche da bagno.

La Divisione opera sul mercato con alcuni dei più noti brand del settore: oltre a VitrA e Burgbad (marchio premium nell’arredobagno), anche Villeroy&Boch ed Engers nel comparto delle piastrelle.

 

Leggi l’articolo pubblicato su Ceramic World Review 134