Spotlight

La piastrella battericida grazie all’Argento

05/06/2020

Metco presenta al mercato mondiale Nobacter05, un presidio igienico in grado di arrestare il proliferare di colonie di microorganismi, elevando il grado del manufatto ceramico da batteriostatico a battericida.

Dopo anni di ricerca e di applicazione industriale, Metco presenta al mercato mondiale Nobacter05.

Un presidio igienico che, per effetto chimico-fisico integrato, è in grado di arrestare il proliferare di colonie di microorganismi, elevando il grado del manufatto ceramico da batteriostatico a battericida. Il presidio chimico fisico attivo garantisce un risultato decretato eccellente dalle migliori università italiane e praticamente senza possibilità di esaurimento della sua efficacia, una soluzione permanente, quindi. Le proprietà battericide dell’Argento sono dovute alla sua capacità di legarsi con le proteine che costituiscono la membrana cellulare del battere, riducendone la permeabilità all’ossigeno e impedendogli di respirare.

Nobacter05 è un composto incolore che viene spruzzato sulla piastrella prima della cottura finale. Grazie all’interazione con la matrice vetrosa, sviluppa centri attivi battericidi permanenti penetrando nella materia ceramica.

Nobacter05 è un complesso metallico arricchito di Argento che esprime al massimo le sue performance battericide quando posto a contatto con il battere, per questo è importante che i centri attivi siano sulla superficie. Una matrice eccessivamente “vetrosa” potrebbe inglobare completamente l’Argento impedendo il contatto con il battere e vanificando il presidio; è quindi fondamentale provvedere alla lappatura o levigatura della stessa.

La capacità battericida del prodotto si deve all’incontro del metallo con l’umidità ambientale che provoca una “ustione mortale” irreversibile sulla cellula del battere che si deposita senza più energia vitale. Affinché la sua efficacia continui inalterata nel tempo, le superfici vanno mantenute deterse regolarmente con normali prodotti di pulizia: l’accumularsi di molecole non attive, invisibili ad occhio nudo, provocherebbe infatti una progressiva barriera (o biofilm), in grado di “minare” l’efficacia del presidio.

È interessante sottolineare l’esito dei test condotti da due delle più blasonate Università italiane che dimostrano l’eliminazione dei comunissimi batteri Staphylococcus Aureus ed Escherichia Coli.

Una prima prova è stata condotta all’Università degli Studi di Pavia (Dipartimento di Medicina Molecolare unità di Biochimica A. Castellani) dalla PH.D. Prof. Livia Visai: in questo caso è stata certificata una drastica riduzione della vitalità dei batteri sopracitati già dopo le prime 3 ore, riduzione che sale quasi al 99% dopo 24 ore.

Un secondo test è stato effettuato dall’Università degli Studi di Bologna (Dipartimento di Farmacia e Biotecnologie diretto dal Prof. Alberto Danielli), comparando una superficie trattata con Nobacter05 ed una non trattata. In sintesi, i test condotti hanno mostrato che il 99,9% della coltura batterica applicata al campione fosse di fatto priva di attività già dopo 3 ore, un risultato che conferisce pertanto proprietà battericida alla piastrella di gres porcellanato tecnico trattata con Nobacter05.

Negli ultimi cinque anni, due importanti gruppi ceramici - uno italiano, l’altro extraeuropeo – hanno utilizzato Nobacter05 usufruendo di una esclusiva settoriale. Attraverso questa offerta tecnica certificata entrambi i produttori sono riusciti a creare di fatto un mercato molto specialistico non solo in ambito residenziale ma anche nel building funzionale.

Trattandosi di un prodotto incolore che non altera la fruibilità cromatica e materica della superfice ceramica, Nobacter05 non pregiudica minimamente l’eleganza del pattern o del disegno del manufatto ceramico.

tags