Spotlight

Tecnologie all’avanguardia per la scelta e il confezionamento

15/01/2019

Tra le macchine di punta prodotte da System Ceramics, vi sono le automazioni per il controllo qualità e il packaging, ossia Qualitron XXL e Multiflex.

Qualitron XXL è il sistema di visione sviluppato da System Ceramics per il controllo qualità delle grandi superfici ceramiche. Si tratta di uno dei più evoluti processi al mondo, composto da due telecamere digitali, una in bianco e nero e una a colori, che inquadrano le lastre illuminate da una luce speciale, generata da un dispositivo d’illuminazione (progettato ad hoc da System Ceramics), per un’ispezione ancora più accurata dei difetti di tipo strutturale e di decoro. Uno speciale sistema di posizionamento micrometrico permette il perfetto allineamento del sistema ai vari spessori delle lastre. L’intero sistema è in grado di verificare nei minimi dettagli sia la struttura superficiale sia la decorazione delle lastre di grandi dimensioni e dei loro sotto-formati. Il processo di scelta automatica è progettato per funzionare anche senza il presidio dell’operatore, in accordo con i più moderni canoni dello smart manufacturing e Industria 4.0.

Tra gli aspetti più significativi del Qualitron vi è il potente software sviluppato internamente dallo staff d’ingegneri informatici che hanno saputo creare uno dei più straordinari programmi di Machine Learning a livello mondiale. Una procedura automatizzata permette infatti il tech-in del prodotto in maniera totalmente automatica. Il software è in grado di riconoscere le varie tipologie di difetti, le quali vengono trasmesse alla logica di controllo delle macchine di scelta che si trovano a valle del Qualitron XXL. Ogni macchina è dotata di un PC industriale espressamente disegnato da System Ceramics ed un Copilot da 21’’ come monitor visualizzatore di interfaccia uomo/macchina, dotato di display grafico FullHD che consente la visualizzazione in alta risoluzione.

Nel settore del packaging, System Ceramics ha studiato un aggiornamento tecnologico per il sistema di confezionamento Multiflex, che offre più flessibilità e personalizzazione.

Multiflex è una confezionatrice all’avanguardia, realizzata per confezionare piastrelle ceramiche di varie dimensioni utilizzando fogli di cartone neutri o prestampati. Partendo dal foglio neutro in piano, la macchina realizza una scatola adattando l’imballo in base alla pila di piastrelle, per poter gestire ogni tipo di variazione di calibro e di altezza della pila. Il materiale utilizzato per ottenere le strisce occorrenti è di dimensioni base di 120x120 cm; esso viene poi tagliato per creare la confezione totalmente su misura. Successivamente la macchina realizza l’involucro, creando una cornice contenitiva intorno al materiale stesso, che può raggiungere formati fino a 120x180 cm. La consolle di comando è dotata di un PC industriale Copilot di ultima generazione di 15,6” full HD con touch-screen e di un software di gestione semplice ed intuitivo.

In termini di prestazioni, Multiflex è in grado di produrre fino a 10 scatole al minuto con un risparmio notevole di cartone che può raggiungere l’80% a seconda dei formati. Un aspetto di fondamentale importanza in un’ottica di salvaguardia ambientale, risparmio energetico e risparmio di materia prima: una tecnologia che guarda ad un confezionamento anti-spreco e attento ai consumi permettendo di ottimizzare al meglio i costi di produzione.

La nuova versione di Multiflex, oltre alle caratteristiche descritte, aggiunge un’ulteriore innovazione di processo. Innanzitutto, il posizionamento dei 4 magazzini cartone può essere gestito su un’unica fila (destra o sinistra) oppure da ambo i lati (2 a destra e 2 a sinistra). Le dimensioni dei magazzini sono state ampliate per produrre con fogli già prestampati per poter operare in sottomultipli.

In secondo luogo vi è la capacità di costruire scatole per formati diversi con estrema velocità nell’operazione di cambio formato, nonché di personalizzare in macchina la stampa della grafica sulla confezione in tempo reale. Questo è possibile anche grazie ad una meccanica semplificata che con poche operazioni consente di realizzare l’imballo finale.

tags